Ad est del Monte Poieto   62503
vorheriges Panorama
nächstes Panorama
Details / LegendeDetails / Legende Marker ein / ausMarker ein / aus Übersicht ein / ausÜbersicht ein / aus   
 Durchlauf:   zum ersten Punkt zum vorherigen Punkt Durchlauf abbrechen
Durchlauf starten
Durchlauf anhalten
zum nächsten Punkt zum letzten Punkt
  verkleinern
 

Legende

1 Monte Frisozzo, 2897
2 Pizzo Formico, 1636
3 Corno delle Pile, 2810
4 Cima Dernal, 2826
5 Monte Re di Castello, 2889
6 Cima Rossola, 2735
7 Monte Rossola, 2721
8 Monte Monoccola, 2681
9 Montagnina, 1598
10 Monte Listino, 2750
11 Monte Pora, 1880
12 Cima Laione, 2757
13 Cornone di Blumone, 2842
14 Monte Bruffione, 2665
15 Monte Boia, 2582
16 Monte Corno, 1370
17 Monte Fra, 2158
18 Dosso Betti, 2144
19 Monte Crestoso, 2207m
20 Dosso dei Dalli (radar NATO), 2190
21 Monte Colombine, 2214
22 Montecampione
23 Monte Muffetto, 2060
24 Monte Sparavera, 1369
25 Dosso Rotondo, 1820
26 Colma di Marucolo, 1856
27 Corna Blacca, 2005
28 Monte Pezzeda, 1799
29 Monte Frondine, 1791
30 Cima Valdritta (Monte Baldo), 2218
31 Corna Trentapassi, 1248
32 Monte Guglielmo (Dosso Pedalta), 1957
33 Monte Guglielmo (Cima Redentore), 1948

Details

Aufnahmestandort: Monte Poieto (1360 m)      Fotografiert von: Giuseppe Marzulli
Gebiet: Bergamasker Alpen      Datum: Dicembre 2013
A tele-pano with 300mm.
10 photos; 300mm; 1/2500; f5,6.; 160ISO.

Kommentare

Despite the enormous focal length a clear and colourful pano. Very nice. Taken from South means no or less struggling with back light ;-). VG.
20.09.2014 20:53 , Michael B.
Sei riuscito a dare un rango himalayano al Guglielmo - qui sembra un vero Golem!!
Stavo guardando come certe cime, magari non eccelse, con la loro forma si fanno riconoscere anche se messe in secondo piano. Per esempio il Blumone, che io sono abituato a vedere dalla parte opposta (es. picasaweb.google.com/albertopedrotti/CimadastaDoppioTraverso#5112922899887236242 se riesci a sorvolare sulla foto storta), però mi è subito risaltato anche qui dentro.
21.09.2014 16:53 , Pedrotti Alberto
Ciao Alberto, la panoramica non mi sembra niente di speciale. L' ho messa proprio perché si vede bene il Monte Guglielmo. Il Monte Guglielmo, che spicca bene da tutta la pianura bresciana e bergamasca, è uno dei tanti errori di italianizzazione da denominazioni dialettali. Il nome originario bresciano della montagna era Golem, che, però non c'entra proprio niente né con Guglielmo, né con la figura immaginaria della mitologia ebraica. "Golem", anzi, più esattamente "gölem", nel dialetto locale, vuol dire semplicemente "colma", cioè una montagna con vetta priva di vegetazione e dai versanti poco impervi.

Ma il motivo per cui l' ho messa non è questo. Il Monte Guglielmo, come si vede bene dalla panoramica ha due vette il Dosso Pedalta e la Cima di Castel Bertino (che però quasi tutti chiamano Cima Redentore). Io penso che il Guglielmo sia l' unica montagna dove da tutti (compreso l' utilissimo sito di Ulrich Deuschle) la vetta ufficiale viene considerata un punto più basso della vera vetta, che è il Dosso Pedalta. Il problema è che sulla Cima Redentore c'è un monumento al Redentore voluto da Giorgio Montini, che era il padre del futuro papa bresciano Paolo VI. Il monumento era particolarmente caro al papa Paolo VI e così, per una specie di tacita deferenza, viene considerata la cima. Volevo solo mettere in evidenza questa peculiarità e ti ringrazio per avermi dato la possibilità di farlo.
21.09.2014 17:19 , Giuseppe Marzulli
Secondo me è un fenomeno molto comune, che un'anticima di qualche metro piú bassa ma nettamente piú visibile e/o piú comoda da salire usurpi il titolo di cima.
Per la maggior visibilità mi vengono in mente
- Peller in val di Non, la gran croce sta 60 metri piú in basso (è segnata nel mio 25984);
- Becco di Filadonna, qui nella nostra Vigolana, che secondo me tu hai nel mirino per un bel panorama del Trentino centrale...
Per la maggior facilità mi vengono in mente:
- Cimon della Pala, dove comunque la vera cima si "vendica" con la sua maggior prominenza;
- Gran Paradiso, dove la Madonnina comunemente raggiunta non sta sulla vera cima;
- Croda Rossa di Sesto, dove la vera cima, detta anche Cima Vinatzer, friabile e allo stesso tempo nascosta, rimane un oggetto piuttosto misterioso...
21.09.2014 17:38 , Pedrotti Alberto
Però in questo caso non si tratta di un' anticima, ma di una cima situata a notevole distanza.
21.09.2014 17:43 , Giuseppe Marzulli
Eh non so io dal punto di vista alpino-legale quale sia la distanza massima consentita fra cima e anticima!
21.09.2014 18:23 , Pedrotti Alberto

Kommentar schreiben


Giuseppe Marzulli

Weitere Panoramen

... in der Umgebung  
... aus den Top 100